Una storia incredibile | Notizie interessanti | Curiosità

Inoltre: turismo outdoor, l'hotel più alto al mondo, campagna Marriott e altro

Ciao, sono Emilio De Risi e questa è 21 Grammi di Turismo. Iniziamo.

Se ti è stata inoltrata, puoi iscriverti da questo bottone.

Ricevi questa newsletter grazie al contributo discreto e silenzioso di Scrollidea digital concierge.


NOTIZIE INTERESSANTI

Alta fedeltà. Leading Hotels of the World rivede il suo loyalty program e lo rende gratuito (invece di 175$/anno). Aderendo al programma si beneficia di alcuni servizi nei 400 alberghi LHW: upgrade camera; colazione continentale per due; check-in anticipato e late check-out; prezzi riservati ai soci.

Da status a necessità: se prima essere nel club LHW era proposto come un privilegio, quindi a pagamento, sembra che la direzione post-pandemica sia portare più clienti a varcare le porte degli hotel affiliati.

Where can we take you? È lo slogan della nuova campagna di Marriott International, che la compagnia definisce la più grande e audace di sempre. Obiettivo: posizionare il viaggio come un percorso per la crescita e la ripresa. Ma anche un antidoto ai pregiudizi e alla mentalità ristretta. Come finestre di punta, lo spot sarà trasmesso durante le finali NBA, Wimbledon e le Olimpiadi.

L'hotel più alto al mondo. Il J Hotel, del gruppo Jin Jiang, occupa gli ultimi piani della Shanghai Tower (632 metri), situata nel quartiere finanziario della città. È il secondo edificio più alto al mondo dopo il Burj Khalifa di Dubai. Tra i servizi: sette ristoranti (uno al 120° piano), bar, spa e una piscina all'84° piano.

Outdoor travel. Gli investitori vedono di buon occhio il turismo all'aria aperta. Infatti, Cabana, società che progetta camper che poi noleggia, ha chiuso un round da 10mln di dollari. Come scritto su Skift, la startup mira a rendere migliore la vita di chi viaggia in camper. E guarda un po’ che novità… dichiara: «Non siamo una società di camper, ma una società di esperienze di viaggio».


CURIOSITÀ (STORIA DEL TURISMO)

I bungalow su palafitte delle Maldive. L’idea di costruire delle stanze d’albergo su palafitte fu di tre americani che, giunti nella Polinesia Francese nel 1959 per un business agricolo, si lanciarono nel turismo grazie alla popolarità che l’arcipelago stava riscuotendo, portata dal nuovo aeroporto di Tahiti. Il resto è storia: un format copiato da strutture ricettive in tutto il mondo. Puoi approfondire qui.


UNA STORIA INCREDIBILE

Narrazione turistica. Ci sono storie che non hanno molto spazio nella consueta narrazione b2b. Eppure raccontarle vuol dire capire meglio l’evoluzione del turismo. Provo una cosa qui un po’ inedita e condenso i punti salienti di un long form di Bloomberg sul team sicurezza di Airbnb.

Il team sicurezza di Airbnb. La squadra entra in gioco quando qualcosa va storto (come stupri o aggressioni) e si occupa di aiutare vittime, famiglie e di prevenire i disastri delle pubbliche relazioni.

Ex agenti Cia. All’interno di Airbnb si sono avvicendati personaggi di spicco come Nick Shapiro, membro di alto livello della Cia e consigliere del Consiglio di sicurezza nazionale alla Casa Bianca di Obama. Ma anche Chris Lehane, ex agente politico del presidente Bill Clinton, assunto come capo della politica e delle comunicazioni globali.

Fondamentale. il team sicurezza è di vitale importanza per la crescita aziendale, infatti il modello di business di Airbnb si basa sull'idea che degli estranei possano fidarsi. Forse proprio per questo il reparto è avvolto nel segreto, tanto da essere chiamato la scatola nera.

Venture capitalist. Tra le prime persone alle quali fu presentato il progetto Airbnb c’è Chris Sacca (investitore della Silicon Valley, sostenitore di Instagram, Twitter e Uber). Dopo la presentazione prese da parte i fondatori dicendogli: «Ragazzi, questo è super pericoloso. Qualcuno verrà stuprato o ucciso». Sacca non investì.

Più crescita più incidenti. Con la crescita di Airbnb sono aumentati anche gli incidenti pericolosi: dalle valigie lanciate dalle finestre alle telecamere nascoste, dalle fughe di gas alle aggressioni sessuali. Molti di questi potrebbero essere accaduti anche in una camera d'albergo, ma altri no.

Meno dello 0,1%. Sono i soggiorni per i quali viene segnalato un problema di sicurezza secondo Airbnb. Ma con più di 200 milioni di prenotazioni all'anno, non è poco.

Sparare soldi con il cannone. È l’approccio usato per gestire le situazioni critiche, stando a un ex agente del team. Ospiti trasferiti in camere d'albergo costose, vacanze e persino sessioni di consulenza per cani. Secondo Bloomberg, negli ultimi anni Airbnb avrebbe speso circa 50mln per la sicurezza. Molte di queste situazioni sono gestite con arbitrati o accordi tra le parti, quindi è difficile dire quante siano.

Pandemia. Una volta scoppiato il covid19, il team di sicurezza è stato sommerso da chiamate relative a infezioni. Ma ancor peggio, molti organizzatori di feste hanno trasformato gli appartamenti in locali notturni. Ci sono stati casi che hanno messo a dura prova polizia, funzionari locali e la squadra di sicurezza.

Licenziamenti. I tagli del 2020 hanno riguardato anche il team di sicurezza a Portland, Oregon, inclusi 25 degli agenti più esperti. Dopo diverse polemiche 15 sono stati reintegrati.

In conclusione. Nulla di tutto questo ha influito negativamente sulla recente IPO di Airbnb. Chris Sacca, che non investì anni prima, ha twittato le sue congratulazioni dicendo «Ogni piattaforma ha cattivi frequentatori, ma la maggior parte sono brave persone. Lo sapevano. Non ho ascoltato». Bloomberg dichiara che Brian Chesky ha rifiutato di essere intervistato per l’articolo.


Per questa settimana è tutto. Alla prossima!

Ti è piaciuta questa newsletter? Nessuna timidezza: inoltrala o condividila con qualche collega.

Share

Qui qualche info sul progetto 21 Grammi di Turismo, qui i numeri già usciti.

Se vuoi scrivermi rispondi semplicemente a questa email.